Recensione 2 di Demoniac Sex’s Symphony

Un’altra recensione per me e l’amico Andrea Lagrein!
Grazie, Veronica 🙂
 copertina4mani
Una metafora a tinte forti
Raramente acquisto libri di perfetti sconosciuti, come gli autori di questo libro. Ma la sorpresa e’ stata grande. Mi sono imbattuta in una metafora dei giorni nostri, anche se la storia e’ ambientata in un lontanissimo quanto improbabile futuro. L’atmosfera mi ha richiamato alla memoria le scene di Blade Runner, film che amo moltissimo. La storia e’ una sorta di thriller, ma a mio avviso non è l’aspetto fondamentale del libro. A mio parere sono i parallelismi con le negatività dei nostri giorni che emergono prepotenti da questa narrazione. Certo, e’ un libro che appartiene al genere letteratura erotica, ma secondo me va ben oltre a quest’unica chiave di lettura. Le scene di sesso comunque sono scritte in modo efficace, riuscendo a trasportare il lettore in un flusso narrativo coinvolgente. Si nota inoltre la differenza di stile fra i due autori, stili che comunque sono assolutamente complementari fra loro, facendo in modo con questo che i due personaggi protagonisti acquistino una loro fisionomia ben delineata. E il finale… beh, il finale vi stupirà. Fidatevi, davvero molto bello.
Veronica, 6 febbraio 2016