Demoniac Sex’s Symphony – 2°capitolo

Non so perché io mi trovi in questo posto. Roba di gran classe. Champagne e caviale.
L’intero mio abbigliamento costa la metà di un paio di scarpe indossate da una qualsiasi delle donne presenti. E dire che per l’occasione ho rispolverato il mio abito migliore. Gesù, e ho anche la cravatta macchiata. La giacca pare più grande di due taglie. I pantaloni sono sgualciti. E ho un bel buco sotto una suola. Ma se sono bravo, almeno questo non si noterà. Nel complesso, sono assolutamente fuori luogo. Del resto, è la storia della mia vita.
Essere sempre nel posto sbagliato al momento sbagliato.
Meglio berci su. Afferro un bicchiere, uno qualsiasi, che un solerte cameriere porta in giro sopra un luccicante vassoio. Cocktail! Lo butto giù in un sorso. Non sa di un cazzo, non mi fa alcun effetto. Brodaglia per astemi. Ma tant’è, si vede che i fini intenditori preferiscono questo a un sano e robusto whisky. Mi adeguo. E nel frattempo mi guardo attorno.
La villa è davvero lussuosa. Gli dev’essere costata un capitale. Il salone è più grande dell’appartamento in cui vivo. Non che ci voglia molto, a dire il vero. Comunque, è sicuramente scenografico.
Passa un altro cameriere. Lo afferro con decisione per il braccio.
«Come ti chiami?»
«Hugo, signore!» risponde con deferenza.
Lo guardo con simpatia. L’unico essere umano qui dentro.
«Senti un po’, Hugo» bisbiglio in modo complice. «Sono sicuro che di là in cucina ci sia roba un po’ più forte di questa acqua di rose che porti in giro. Perché non me ne allunghi un poco?»
Il mio occhiolino lo diverte. Sorride, per poi ricomporsi immediatamente, che se lo avessero beccato…
«Vedrò quel che posso fare per il signore» borbotta, prima di allontanarsi.
Povero Cristo. Dev’essere dura lavorare tappandosi il naso in mezzo a tutti questi stronzi.
Mentre aspetto Hugo, che so non mi deluderà, scruto i presenti. Festa di manichini. Ognuno pare indossare una maschera. Solo che le maschere sono tutte identiche fra loro. Le donne con le tette rifatte, i culi gonfiati, le labbra esagerate, gli zigomi sporgenti, il medesimo taglio di capelli, lunghi vestiti da sera neri e diamanti in abbondanza. E gli uomini non sono da meno, tronfi palloni gonfiati, ognuno pronto a declamare i propri successi. Cristo, mi sembra di essere uno con l’uccello piccolo capitato in mezzo a un raduno di attori porno!
Finalmente torna Hugo. Senza farsi notare mi allunga una bella birra ghiacciata. Lo ringrazio con un cenno del capo. Esco in veranda senza dare nell’occhio e mi avvento sulla birra. Dopo un paio di sorsate già la situazione mi pare in netto miglioramento. Mi accendo una sigaretta. Anche in questo sono fuori luogo. Fra Cohiba e Montecristo, le mie Pall Mall stonano di brutto. Ma tant’è!
Sono così assorto nei miei pensieri che non la sento arrivare.
«Non si sta divertendo, per caso?»
La sua voce melodiosa mi fa trasalire. Mi volto. La fisso. Virginia. La compagna del padrone di casa. Bella, bellissima.
«Diciamo che non sono abituato a questo genere di feste» rispondo burbero.
«E a cosa, se posso permettermi, è abituato?» mi domanda in modo un po’ troppo civettuolo.
Decido al volo che non mi piace. Le puttane d’alta classe non mi sono mai andate a genio. Fingono di essere gran signore, ma, a parte la figa a pagamento che si ritrovano, mancano di tutto il resto. La guardo truce.
«Senti, bambola… Diamo un senso a questa serata. Che ne dici di un bel pompino?»
I suoi occhi corrono prima lungo il mio abito. Quindi mi fissa indignata, per poi passare allo schifato. Si volta e se ne va.
Diavolo! Non fosse stato per il vestito, me lo avrebbe fatto di sicuro. Ne sono certo. Ma si vede che non è serata.
Mi giro a guardare l’immenso parco che circonda la villa. Ha ricominciato a diluviare. È da settimane che continua a piovere. Che tempo del cazzo! Inizio a sentire freddo. Butto giù le ultime sorsate della birra di Hugo. Almeno questa mi riscalda un po’. E così non sento arrivare nemmeno lui.
«Perché mi offendi? Perché mi insulti proprio a casa mia?»
Conosco bene quella voce. Mi volto a osservare Gabriel. Lo guardo con la mia aria più innocente. Non abbocca.
«Sei stato molto scortese con la mia fidanzata.»
Sollevo le mani in un gesto di scusa.
«Oh, ma perché? Quella era la tua donna? Ti giuro, Gabriel, mi devi credere, non lo sapevo. Se lo avessi saputo, non le avrei mai detto una cosa del genere. Pensavo fosse una delle tante troie che ci sono a questa festa!»
Purtroppo non riesco a restare serio e mi lascio sfuggire un ghigno divertito. Gabriel serra i pugni, ma si trattiene. Poi sorride. La cosa un po’ mi spiazza, lo ammetto.
«Sai perché ti ho invitato, questa sera?» mi domanda alla fine.
Faccio spallucce, fingendomi disinteressato. Ma in fondo sono curioso. Già, che cazzo ci faccio io qui questa sera? Le sue parole diventano un sibilo, taglienti come una lama affilata.
«Vent’anni fa, quando eravamo amici inseparabili, tu eri in rampa di lancio. Tutti avevano occhi solo per te. Eri l’astro nascente della musica, quello che sarebbe diventato il più grande compositore di tutti i tempi. E il piccolo e sfigato Gabriel? Io vivevo nella tua ombra, ero il tuo portaborse, quello che si cibava delle tue briciole, dei tuoi avanzi, delle scopate che tu scartavi.»
Pausa a effetto. Mi fissa. I suoi occhi trasudano odio.
«E guarda oggi, invece. Osservati! Vesti che fai schifo, vivi nella merda e il tuo nome fa meno rumore di una scorreggia di cane. E poi guarda me. Guarda dove sono arrivato, cos’ho fatto, cos’ho costruito.»
La sua mano corre a trecentosessanta gradi per rafforzare il concetto.
«Ti ho invitato questa sera perché la constatazione del tuo fallimento sottolinea il mio successo. E lo rende ancor più dolce.»
Mi guarda. Si aspetta una risposta. Lo guardo. Decido di accontentarlo.
«Uhm… non ho ben capito. Allora me lo fai tu il pompino?»
Si vede che il senso dell’umorismo non è da tutti. Gabriel serra la mascella.
«Fuori di qui!»
«Ok, ma prima o dopo?»
Strabuzza gli occhi, interdetto.
«Prima o dopo di cosa?»
«Del pompino, ovvio!»
Adesso è veramente incazzato.
«Vattene immediatamente o ti faccio sbattere fuori a calci in culo!»
«Calmo, calmo. Non c’è bisogno di calci in culo. Soffro già di emorroidi e questo basta e avanza. Ok, me ne vado. Grazie comunque della serata. È stato bello rivederti, Gabriel.»
Sfodero il mio più bel sorriso di circostanza. Non attendo oltre. Esco. Sotto la pioggia. La soddisfazione che provo è impagabile.
Prima di tornare a casa faccio il giro dei soliti bar, giusto per non rientrare sobrio in quella topaia dove abito. Raggiunta una soglia dignitosa, mi avvio barcollando, zuppo di alcool e di pioggia. Entro e chiudo la porta sbattendola con violenza, tanto per far sapere ai vicini che sono rincasato.
Mi svesto. Rimango in mutande. Vado in bagno. Vomito. Mi chino sul lavandino per risciacquarmi la faccia. Mi guardo allo specchio. Non mi piace quel che vedo. Mi chino di nuovo. Altra spruzzata d’acqua. Mi risollevo. Punto gli occhi nello specchio.
Cristo santo, ma sto delirando? Mi butto altra acqua in faccia. Torno a fissare lo specchio. Poi mi volto di scatto.
«E tu chi cazzo sei? Come hai fatto a entrare?»
Lei è lì. In piedi. Di fronte a me!

Andrea Lagrein

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...