Recensione 4 di Tu non esisti

E’ una storia raccontata in prima persona, una storia sconvolgente, per certi versi. Sorprendente scoprire come la mente della scrittrice si inventa tali torture. Lui, il protagonista, è un sadico, assetato di sangue, perverso, lussurioso. Gioca con il corpoTu non esisti della malcapitata “Sally”, fino a renderla un giocattolo. Carne che vive, cuore che batte, solo perché lui ancora non ha deciso di ucciderla. Ancora più sconvolgente, secondo me, l’altra figura femminile: Erika, femmina diabolica, a volte anche di più del protagonista. Un finale che speravo non fosse “quel finale”, in tutta sincerità.
Sono rimasta incollata al video per tre giorni, una pagina dietro l’altra, sperando di cogliere qualche segno di bontà in LUI, qualche tentennamento. Niente da fare, perverso e diabolico fino alla fine.
E, adesso che è finito, vorrei poter girare altre pagine. Mi manca Lui.

Merita! Leggetelo.

Allie Walker, 04/11/13

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...